Il G7 ambiente di Bologna

rep_048

 

Si è chiuso ieri il G7 Ambiente di Bologna che ha licenziato un Comunicato che ha toccato le principali questioni ambientali oggi in agenda. Ovviamente la questione più dibattuta è stata quella dell’impegno nella lotta la cambiamento climatico (e del relativo finanziamento), con la conferma dell’Accordo di Parigi, ribadita da Francia, Germania, Italia, Unione Europea, Giappone e Regno Unito, con la conferma anche della defezione dell’Amministrazione USA di Trump , segnalata in nota al testo del Comunicato finale.

Da segnalare nel Comunicato il fatto che sia ribadito che per raggiungere l’obiettivo dell’Accordo di Parigi, di stare ben al di sotto dei 2°C,  occorre accelerare la transizione low-carbon, intensificare l’azione pre-2020 e preparare nuovi impegni nazionali di riduzione (NDC) entro il 2020.

Il Comunicato finale rimarca l’impegno nel perseguire i Sustainable Development Goals al 2030 e ribadisce l’importanza  della Sustainable finance, sottolineando il ruolo positivo che possono svolgere gli attori del settore privato e, in particolare, le piccole e medie imprese. Un altro punto collegato è quello della riforma fiscale ambientale, nel quale si è richiamata la necessità di eliminare i sussidi dannosi per l’ambiente.

La circular economy, inclusa la gestione sostenibile e l’efficienza delle risorse, ha avuto ampio risalto nel documento finale , in particolare in relazione ai grandi potenziali positivi in termini di benefici sociali ed economici associati ad obiettivi ambientali. Su questo argomento è stato previsto un titolo specifico, nel quale è stato evidenziato il rapporto positivo tra politiche ambientali e crescita economia e dell’occupazione.

Nel Comunicato finale ha trovato posto anche un tema di grande attualità: quello del Marine Litter, su quale negli ultimi tempi il Ministro Galletti si è speso molto. L’impegno dei sette grandi è quello di promuovere nuove e più incisive iniziative, in primo luogo nel quadro condiviso di iniziative di respiro internazionale, come il G7 Action Plan to Combat Marine Litter  o in vista della prossima Our Oceans Conference la cui quarta edizione si terrà a Malta in autunno.

G7 Bologna Environment Ministers’ Meeting | comunicato finale