Nelle Università pontificie romane al via un diploma in ecologia ispirato a Laudato si’

“L’alleanza per la cura della casa comune”. Questo il nome del percorso formativo che porterà al Joint Diploma in ecologia integrale attivato dalle Università pontificie romane in risposta alla richiesta che nella Laudato si’ Papa Francesco rivolge a tutte le persone di buona volontà.

Ci troviamo davanti ad una sfida educativa” scrive il Pontefice, sottolineando l’importanza di una “educazione ambientale” in grado di “far maturare delle abitudini”. L’obbiettivo principale del percorso quinquennale, coordinato da p. Prem Xalxo, è diffondere quindi la visione e la missione che Laudato si’ affida alla Chiesa tramite la formazione.

Il Joint Diploma in Ecologia integrale partirà dall’anno accademico 2017-2018, nelle sette Università pontificie della capitale – Angelicum, Antonianum, Gregoriana, Lateranense, Salesianum, Santa Croce, Urbaniana – e nell’Istituto di studi superiori Regina Apostolorum, e si svilupperà in sei moduli, corrispondenti ai sei capitoli in cui si articola l’enciclica  Laudato si’.

Il primo modulo, centrato sulla domanda “Cosa sta succedendo alla nostra casa comune?”, sarà coordinato dal prof. Joshtrom Isaac Kureethadam (Università Pontificia Salesiana). Il secondo modulo approfondisce “Il Vangelo della Creazione” ed è affidato al prof. Prem Xalxo (Pontificia Università Gregoriana. Il terzo modulo guarda alla “La radice umana della crisi ecologica”, sotto la supervisione della prof.ssa Giulia Lombardi (Pontificia Università Urbaniana), mentre il successivo modulo sull'”ecologia integrale” è affidato al coordinamento del prof. Massimo Losito (Pontificio Ateneo Regina Apostolorum). Sulle concrete linee d’azione si concentra il quinto modulo, guidato dal Dr. Tomás Insua (The Global Catholic Climate Movement, Washington D.C./ Roma), mentre l’ultimo modulo su “educazione e spiritualità ecologica” sarà coordinato dal prof. Ivan Colagé (Università Pontificia Antonianum). Il primo anno le lezioni si svolgeranno presso la Gregoriana.

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail