È di 160 miliardi di dollari il conto pagato nel 2018 per i disastri naturali

Nel 2018 si sono contati 850 disastri naturali soprattutto alluvioni, inondazioni, frane (46%) e uragani e tempeste (42%). Il conto da pagare per questi disastri è stato particolarmente alto: 160 miliardi di dollari, la metà pagato dal sistema assicurativo.

Questo quanto emerge dal Rapporto annuale sui disastri naturali e ambientali realizzato dal colosso assicurativo Munich Re che mostra come gli eventi meteorologici estremi diventino sempre più frequenti a causa del cambiamento climatico. Secondo il Rapporto il 2018, in un confronto con gli ultimi 30 anni, si colloca i tra i dieci anni più disastrosi in termini di perdite complessive, ed è stato il quarto anno più oneroso dal 1980 in termini di perdite assicurate. L’ anno peggiore è stato il 2017 con 340 miliardi di dollari di perdite e un conto pagato dal sistema assicurativo di 138 miliardi di dollari.

Nel 2018, in particolare, gli uragani Michael e Florence nell’Atlantico e i tifoni in Asia, hanno lasciato un segno indelebile. Le perdite complessive dei cicloni tropicali nel 2018 sono state particolarmente alte, circa 57 miliardi di dollari, di cui 29 miliardi di dollari assicurati. C’è stato anche un impatto estremamente elevato dagli incendi in California che ha prodotto perdite complessive di 24 miliardi di dollari e perdite assicurate di 18 miliardi di dollari.

Circa il 50% delle perdite macroeconomiche globali da catastrofi naturali nel 2018 sono state assicurate, una percentuale significativamente superiore alla media a lungo termine del 28%. Il Nord America ha rappresentato il 68% delle perdite assicurate, l’Asia il 23% e l’Europa l’8%. Le restanti perdite inferiori all’1% sono state divise tra Sud America, Africa, Australia e Oceania.
I Continenti più colpiti dai disastri naturali sono stati l’Asia (43%), il Nord America (20%), l’Europa (14%) e l’Africa (13%). Sono circa 10.400 le persone in tutto il mondo che nel 2018 hanno perso la vita in disastri naturali e il 35% delle vittime è stato causato da alluvioni e inondazioni, soprattutto in Asia e Africa, una percentuale molto superiore alla media del periodo 1980-2017 che era stata del 14%.

In Europa i disastri naturali del 2018 sono stati simili a quelli registrati negli anni 2014, 2015 e 2017, con un totale di 113 eventi con perdite di 16 miliardi di euro e un costo per le assicurazioni di 6 miliardi di dollari.Le perdite maggiori sono state causate dalla siccità che è costata circa 4 miliardi di dollari.

 

 

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail