L’Italia “locomotiva” verde: FS Italiane lancia il suo primo green bond

ferrovie

Il trasporto ferroviario e il trasporto pubblico sono elementi cruciali nello sforzo globale per il contrasto al cambiamento climatico in atto e per la promozione di uno sviluppo sostenibile.

In tale contesto, negli ultimi anni, Il Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane ha avviato un processo di miglioramento del proprio profilo di sostenibilità attraverso l’integrazione di driver ambientali e sociali nelle decisioni strategiche di business.

Proprio in virtù di tale ruolo strategico e a conferma dell’elevato committment del Gruppo verso lo sviluppo sostenibile del settore trasporti, il 30 novembre 2017 – a seguito dei roadshow di Parigi, Monaco, Francoforte, Amsterdam e l’Aia – Ferrovie dello Stato Italiane ha emesso un green bond inaugurale per un valore nominale di 600 milioni di euro e durata a 6 anni, che ha ricevuto valutazioni di rating positive (S&P’s BBB; Fitch BBB, entrambi outlook stabile). Per la prima volta un operatore ferroviario emette un green bond sul mercato, destinato principalmente a finanziare l’acquisto di nuovi treni. Un altro primato “green” per l’Italia, il cui esempio probabilmente sarà seguito da altre ferrovie europee.

Ferrovie dello Stato Italiane ha definito un Green Bond Framework in conformità con i Green Bond Principles 2017 di ICMA – International Capital Market Association – come confermato dalla dichiarazione di seconda parte (“second party opinion”) predisposta dall’advisor indipendente Sustainalytics. Il Framework prevede anche la definizione di una dichiarazione annuale (inclusa nel Rapporto di sostenibilità) relativa all’impiego delle risorse raccolte e ai principali indicatori di sostenibilità legati ai progetti finanziati/ri-finanziati (“c.d. eligible projects”), che sarà oggetto di verifica da parte di un soggetto esterno.

Come previsto dal Green Bond Framework di FS Italiane, i proventi dell’emissione saranno destinati al rinnovo del materiale rotabile per il trasporto pubblico come di seguito:

  • Nuovi treni “Electric Multiple Unit (EMU)” per il trasporto passeggeri regionale;
  • Nuovi treni Alta Velocità “ETR 1000” per il trasporto passeggeri Alta Velocità.

Entrambi i progetti assicurano importanti miglioramenti nell’ambito dell’efficienza energetica, della riduzione delle emissioni di gas serra, della qualità̀ dell’aria e del comfort dei passeggeri e contribuiranno allo shift modale verso l’utilizzo del treno nel trasporto pubblico locale e nella lunga percorrenza.
Gli ordini ricevuti, da 115 investitori istituzionali (più del 60% dall’estero), relativamente al Green Bond, hanno superato 1,3 miliardi di euro.
In base alle analisi di FS Italiane, circa il 50% degli acquisti sono pervenuti da investitori impegnati sui temi della sostenibilità̀ (c.d. “Investitori Socialmente Responsabili”).

Tra i principali risultati di sostenibilità presentati nel corso dei roadshow, Ferrovie dello Stato Italiane, ha incluso anche il premio ricevuto per le ottime performance energetiche e ambientali dei treni regionali “Pop & Rock”. Tale award è stato consegnato nel corso della IX Edizione del “Premio per lo sviluppo sostenibile”, promosso dalla Fondazione per lo sviluppo sostenibile e da Ecomondo, che ha ricevuto anche quest’anno la medaglia del Presidente della Repubblica.

 

FS Green Bond Programme Investor Presentation – Novembre 2017 | pdf |
Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail