Moda, sostenibilità e innovazione: il 6 novembre l’incontro promosso dal Ministero dell’Ambiente

La produzione tessile, nel panorama dell’industria manifatturiera italiana, contribuisce in maniera significativa al consumo di risorse naturali, alle emissioni di CO2, al consumo di risorse idriche e in termini di impatti sociali. La Green Fashion Week di Roma 2017 mira, quindi, a stimolare una maggiore consapevolezza nei consumatori che possa portare a scelte più responsabili e a comportamenti più virtuosi in termini di impatti ambientali.

La moda, infatti, è uno strumento potente per orientare le tendenze e gli stili di vita delle persone verso la sostenibilità. La Green Fashion Week è patrocinata dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare in collaborazione con l’iniziativa delle Nazioni Unite “United Nations Framework Convention on Climate Change” ed è organizzata dall’associazione no-profit FSA (Fashion Service Association).

Green Fashion Week è un’iniziativa itinerante, con due eventi l’anno, che coniuga momenti di riflessione sugli ampi temi della sostenibilità a momenti di forte impatto comunicativo e di presentazione delle innovative collezioni al pubblico. La manifestazione è giunta alla sua sesta edizione, dopo quelle di Abu-Dhabi e Dubai (due edizioni), Milano, Los Angeles. La prossima si terrà a Detroit.

In tale contesto, il Ministero dell’Ambiente organizza una tavola rotonda dedicata al tema “Green Fashion: la moda sceglie sostenibilità e innovazione” che si terrà a Roma, al Tempio di Adriano in Piazza di Pietra, il 6 novembre 2017. L’incontro ha lo scopo di favorire un dialogo tra istituzioni, imprenditori, docenti universitari e associazioni culturali sullo stato dell’arte e sulle iniziative che si muovono nel settore sempre più in espansione della moda sostenibile. Anche la Fondazione per lo sviluppo sarà presente e porterà il suo contributo sul tema dell’Agenda 2030 e SDGs e le sue implicazioni in termini di produzione e consumo sostenibili.

 

Programma Conferenza GFW

 

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail