Il Parlamento europeo propone nuovi target su efficienza e fonti rinnovabili

Il Parlamento europeo si è espresso sulle nuove Direttive sulle fonti rinnovabili e l’efficienza energetica, votando attraverso due risoluzioni per una revisione al rialzo degli attuali target al 2030, per rispettare l’ impegno di Parigi.

Per quanto riguarda l’efficienza energetica, il Parlamento ha votato, il 28 novembre scorso, per una riduzione dei consumi energetici rispetto all’andamento tendenziale al 2030 del 40%, rendendo questo target legalmente vincolante. Il target attuale è del 27% e la Commissione si era invece espressa per il passaggio al 30%.

Sulle fonti rinnovabili il Parlamento ha chiesto di portare il target dal 27% al 35% del consumo finale lordo, ma senza prevedere target vincolanti a livello nazionale e introducendo un meccanismo di flessibilità (il 10% del target ma utilizzabile solo in circostanze eccezionali e limitate), mentre per il settore dei  trasporti si propone coprire almeno il 12% del fabbisogno energetico con fonti rinnovabili.

Entrambe le risoluzioni dovranno passare per la plenaria del Parlamento a inizio 2018 per poi dare avvio al trilogo con la Commissione e il Consiglio europeo.

Le richieste del Parlamento europeo coincidono con quelle avanzate dal Consiglio Nazionale della Green Economy, che nella proposte di Policy del 2016 chiedeva al Governo italiano di allineare i propri target agli impegni di Parigi, puntando a dimezzare le emissioni di gas serra rispetto al 1990 e innalzando gli obiettivi su efficienza e fonti rinnovabili, appunto, rispettivamente al 40% e al 35%. Ma, soprattutto, sono il chiaro segnale che i target attuali al 2030, su cui è stata impostata la nuova Strategia Energetica Nazionale, non sono sufficienti a rispondere agli impegni di Parigi e dovranno essere resi più ambizioni e stringenti.

Documenti:

Download “European Commission | Second Report on the State of the Energy Union” Pubblicato il: 6 Dic 2017

Download “Stati Generali Green Economy 2016 | Proposte di Policy del Consiglio Nazionale” Pubblicato il: 9 Nov 2016

 

 

 

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail