Discariche: rifiuti non pericolosi in impianti per pericolosi. L’errato recepimento della direttiva e i “dissapori” applicativi

6 Mag 2009
Dall'entrata in vigore del Dlgs 36/2003 anche in Italia si è avuto il superamento della vecchia definizione di discariche di prima, seconda e (almeno in teoria, perché mai autorizzata) terza categoria, per passare a discariche per rifiuti inerti, non pericolosi e pericolosi. Leggi tutto...

Energia elettrica da fonti rinnovabili: cancellato l’obiettivo del 25% entro il 2012 – Commento di Edo Ronchi

5 Mar 2009
Portare l'energia elettrica da fonti rinnovabili dal 16% al 25% del consumo entro il 2012, come prevedeva la legge 244/2007, era un obiettivo ambizioso, ma fattibile col coinvolgimento delle Regioni, capace di dare una forte spinta al settore, incoraggiando lo sviluppo di nuovi investimenti. Invece, proprio ora che, data la recessione, servono misure con effetto rapido, questo obiettivo è stato diluito e indebolito. Leggi tutto...

Rifiuti: Mps e Accordi di programma tra le sorprese di capodanno

5 Feb 2009
di Paola Ficco
Lo scenario legislativo di fine 2008 ha introdotto numerose modifiche in materia di gestione dei rifiuti. Tra queste, figurano quelle stabilite dal Dl 6 novembre 2008, n. 172, convertito in legge 30 dicembre 2008, n. 210 il quale introduce “Misure straordinarie per fronteggiare l’emergenza nel settore dello smaltimento dei rifiuti nella Regione Campania, nonché misure urgenti di tutela ambientale” (Gu 3 gennaio 2009 n. 2). Leggi tutto...

Buone nuove da Poznan

15 Dic 2008
di Raimondo Orsini
Più luci che ombre emergono dalle sessioni del COP 14 (meeting mondiale della Conferenza Quadro delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico), tenutosi a Poznan dal 1 al 12 Dicembre, nonostante la difficile congiuntura internazionale e gli occhi rivolti al parallelo incontro dei Primi ministri europei a Bruxelles sugli stessi temi. Leggi tutto...

I costi di Kyoto: cinque osservazioni | Valutazioni a seguito delle dichiarazioni del governi italiano sugli eccessivi costi del sistema paese per adeguarsi agli obiettivi di Kyoto.

7 Ott 2008
di Edo Ronchi
1. La crisi in corso ridurrà le emissioni e i costi delle misure. La crisi finanziaria ed economica in corso sia per il 2008, e prevedibilmente almeno per il 2009, produrrà una riduzione dei consumi energetici e quindi anche una riduzione delle emissioni di CO2, sicuramente in Italia. Leggi tutto...