Green Acts XII – Introduzione

20 Giu 2018
di Fabrizio Vigni

“Se vogliamo eliminare la povertà e la fame come richiesto dagli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, il miliardo e più di persone che non dispone oggi di elettricità deve poterla avere in maniera accessibile. Ma nello stesso tempo è bene che tale energia sia pulita, contenendo l’uso sistematico di combustibili fossili. L’auspicabile prospettiva di una energia per tutti non può portare a una non auspicabile spirale di sempre più gravi cambiamenti climatici, mediante un temibile rialzo delle temperature nel globo, più dure condizioni ambientali e l’aumento dei livelli di povertà.” Leggi tutto...

La rigenerazione urbana: una scelta di fondo per una green city

11 Giu 2018
di Edo Ronchi

dal blog HuffingtonPost

La rigenerazione urbana è la chiave strategica della politica urbanistica di una green city che punta a ridare capacità d'attrazione alle città con il riutilizzo e l'uso efficiente del patrimonio edilizio esistente e delle aree già urbanizzate, evitando il consumo di nuovo suolo agricolo e naturale.
Leggi tutto...

Finanza e cambiamento climatico: serve una carbon tax per convincere gli investitori che si fa sul serio

21 Mag 2018
di Edo Ronchi
dal blog HuffingtonPost

Anche se il cambiamento climatico non pare al centro del dibattito pubblico attuale, resta un tema strategico di questa nostra epoca, ormai presente in modo rilevante anche nelle analisi di esponenti autorevoli del mondo economico e finanziario. Fra queste segnalo un recente interessante intervento del Direttore generale della Banca d'Italia, Salvatore Rossi, in un convegno del 16 aprile scorso a Roma, sul tema "Finanza e crisi climatica". Leggi tutto...

Puntare sull’occupazione verde e decorosa per i giovani

14 Mag 2018
di Edo Ronchi

dal blog HuffingtonPost

In Italia la disoccupazione giovanile è al 32,8%, mentre quella generale è al 10,9% (Istat, febbraio 2018). La disoccupazione giovanile dovrebbe essere inferiore a quella generale: invece in Italia è addirittura il triplo. Senza dimenticare che la gran parte dei giovani occupati in Italia svolge lavori precari e mal retribuiti: nel 2016 ben il 54,7% degli occupati, nella fascia di età fino a 24 anni, svolgeva lavori temporanei. La situazione è notevolmente peggiorata negli ultimi anni. Nel 2000 i giovani precari erano meno della metà di quelli attuali: erano, infatti, il 26,6% (OECD,2017).
Leggi tutto...

Green Acts XI – Introduzione

6 Mag 2018
di Raimondo Orsini

Dieci anni, e non sentirli…..  Sono già passati dieci anni da quando Edo Ronchi, con un’intuizione geniale, ha fatto nascere con un primo gruppo di imprese, associazioni di imprese ed esperti di sostenibilità, la Fondazione per lo sviluppo sostenibile. Leggi tutto...

Cosa accadrebbe se l’impegno sul clima diminuisse?

23 Apr 2018
di Edo Ronchi

dal blog HuffingtonPost

Secondo l'Agenzia Internazionale per l'Energia (IEA), nel 2017 le emissioni mondiali di anidride carbonica sono aumentate di 460 milioni di tonnellate di CO2, +1,4% , raggiungendo il valore più alto mai registrato, pari a 32,5 miliardi di tonnellate di CO2.
Leggi tutto...

Lasciarci alle spalle il 2017, annus horribils per le emissioni di gas serra

10 Apr 2018
di Andrea Barbabella
Il “Global Energy and CO2 Status Report” dell’Agenzia Internazionale dell’Energia (IEA) appena pubblicato stima che nel 2017 le emissioni mondiali di CO2 siano tornate ad aumentare dopo un triennio di relativa stabilità.
Leggi tutto...

Il malthusianesimo e l’aumento della popolazione

3 Apr 2018
di Edo Ronchi

dal blog HuffingtonPost

Alcuni commenti al post "Contro il malthusianesimo", pubblicato la settimana scorsa, mi hanno rimproverato di non aver tenuto conto del peso ecologico dell'aumento della popolazione. A me non pare, ma nel dubbio di aver espresso male, anche per esigenza di sintesi, come la penso sull'argomento, provo a precisare meglio.
Leggi tutto...

Contro il malthusianesimo

28 Mar 2018
di Edo Ronchi

dal blog HuffingtonPost

Thomas Robert Malthus con il suo Saggio sul principio della popolazione e i suoi effetti sullo sviluppo futuro della società del 1798 argomenta come la crescita della popolazione sia limitata dai mezzi di sussistenza e che, quando i mezzi di sussistenza lo permettono, la popolazione tende a crescere in maniera esponenziale perché le famiglie popolari disponendo di mezzi oltre la sussistenza,fanno più figli.
Leggi tutto...

Non dimentichiamo il cambiamento climatico e l’urgenza di misure per le città

14 Mar 2018
di Edo Ronchi

dal blog HuffingtonPost

L' Organizzazione Mondiale della Sanità e la Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti hanno pubblicato, con la collaborazione di un folto gruppo di esperti italiani, un primo rapporto sugli impatti del cambiamento climatico in Italia (Climate and health country profile for Italy, 2018).
Leggi tutto...