L’uso efficiente dei materiali è una delle colonne portanti dello sviluppo sostenibile. La filosofia della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile è quella guardare sempre verso il futuro e a tal fine di stimolare, sostenere ed agevolare il cambiamento dell’attuale modello di produzione e di consumo per raggiungere gli obiettivi della green economy e, con essa, della circolarità. Gli strumenti scelti sono la costruzione del consenso, l’elaborazione di proposte e il supporto conoscitivo.

Per assolvere un simile impegno è stata costituita una struttura finalizzata all’elaborazione di studi, analisi e proposte nel settore dell’uso efficiente dei materiali nei processi produttivi, di distribuzione e di consumo, nonché nella fase di gestione dei rifiuti.

Le attività sono molteplici, rivolte sia al settore privato che a quello pubblico, e consistono in rapporti e valutazioni sulla circolarità economica delle filiere produttive, elaborazione di programmi di prevenzione e di piani di gestione dei rifiuti, valutazione e analisi dei modelli di governance, studi e assistenza giuridico-normativi, supporto all’attuazione delle politiche di settore, elaborazione e supporto all’attuazione di proposte innovative.


Sulla spinta delle recenti politiche comunitarie in materia di economia circolare, delle sfide climatiche ed ecologiche e, al tempo stesso, per sostenere la competitività sui mercati internazionali, la Fondazione per lo sviluppo sostenibile ha avviato il progetto “Circular Economy Network”, sostenuto da un gruppo di imprese e organizzazioni di diversi settori economici, quale strumento capace di sostenere e promuovere lo sviluppo dell’economia circolare in Italia.

Il lavoro del Circular Economy Network si basa su alcuni assi principali:

  • Costituire una rete di dibattito, scambio di informazioni e buone pratiche, tra le imprese e le loro organizzazioni.
  • Raccogliere, promuovere e divulgare studi, ricerche ed elaborazioni esistenti sull’economia circolare.
  • Definire gli indicatori chiave di circolarità e analizzare le performance nazionali.
  • Effettuare la ricognizione delle principali criticità e delle barriere da rimuovere, indicando le possibili soluzioni.
  • Elaborare strategie, policy e misure da proporre ai decisori politici, favorendo una positiva interlocuzione tra il mondo delle imprese e le istituzioni.
  • Valorizzare e contribuire alla diffusione delle buone pratiche e delle migliori tecniche.
Maggiori informazioni sul sito www.circulareconomynetwork.it

Ultime pubblicazioni

News

Un Po d’AMare a Torino: presentazione dei risultati della prima sperimentazione del progetto “acchiappa rifiuti” in un contesto urbano

8 Lug 2020

Nel corso dei 4 mesi di sperimentazione del Po d’Amare a Torino sono stati raccolti 63 chili di rifiuti, dei quali circa il 60% sono imballaggi in plastica di varia tipologia. Il riciclo di tale materiale ha permesso di realizzare 10 portapenne in plastica mista che ogni partner del progetto potrà conservare a ricordo dell’iniziativa. Leggi tutto...

Grande successo per la maratona Green Deal per l’Italia in streaming su Raiplay

26 Giu 2020

Una maratona per definizione è lunga e la maratona web Green Deal per l'Italia è stato un percorso ricco di contenuti, con oltre 50 ospiti, articolato in 7 tappe, per presentare la concretezza e le grandi potenzialità di un Green Deal per l’Italia. Leggi tutto...

Appuntamenti

25 giugno Maratona web “Green deal per l’Italia” in diretta su Raiplay

Maratona “Green Deal per l’Italia” - Un confronto per un progetto di sviluppo sostenibile

<...

Leggi tutto...

Webinar: il nuovo accordo Anci-Comieco nel quadro del pacchetto europeo sull’economia circolare

L’Accordo Quadro ANCI-CONAI è lo strumento, previsto già dal Decreto Legislativo 22 del 1997 e poi dal Testo Unico Ambientale (D.Lgs 152/06), attra...

Leggi tutto...